Sei in: Home » Articoli

Cassazione: assegnazione e concetto di casa familiare

Con Sentenza n. 1198 del 20 gennaio scorso, la prima sezione della Suprema Corte si è pronunciata in tema di assegnazione della casa familiare stabilendo che: "al fine dell'assegnazione ad uno dei coniugi separati o divorziati della casa familiare, non basta la mera constatazione della convivenza con figli maggiorenni, ma occorre che si tratti della stessa abitazione in cui si svolgeva la vita della famiglia finché era unita e che i figli maggiorenni conviventi versino, senza loro colpa, in condizioni di non autosufficienza economica". Con l'occasione la Corte ha anche definito la casa familiare come "habitat domestico, luogo degli affetti, degli interessi e delle consuetudini della famiglia durante la convivenza dei suoi membri".
(08/03/2006 - Silvia Vagnoni)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF