Sei in: Home » Articoli

Sanità e tutela per i malati: nuovo intervento del Garante

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter del 2 febbraio 2006) ha reso noto di aver avviato accertamenti su alcune aziende sanitarie al fine di controllare l'effettiva protezione dei dati personali dei sanitari, della modulistica software e modalità organizzative delle strutture stesse. L'Autorità era intervenuta a seguito di diverse segnalazioni ove si denunciavano gravi violazioni della normativa e lesioni della privacy dei malati. In particolare si trattava di pazienti per lo più anziani, costretti per prenotare una visita ad accalcarsi presso l? unico sportello di una Asl e a comunicare ad alta voce nome, cognome, patologia, visita richiesta all?impiegato che, al di là di uno spesso vetro, prendeva la prenotazione.
Le ricette venivano poi passate di mano in mano lungo la coda e rimanevano depositate all?esterno dello sportello finché non venivano ritirate dall?impiegato. Sollecitata dall?intervento dell?Autorità, la Asl in questione ha deciso di rivedere il servizio delle prenotazioni sanitarie rendendolo più rispettoso della riservatezza e della dignità delle persone Il progetto messo a punto dalla Azienda sanitaria prevede, tra l?altro, l?installazione di un sistema informatizzato per la gestione delle prenotazioni, possibili anche on line, box con barriere per colloqui sanitari riservati, distanze di cortesia, percorsi differenziati.
(24/02/2006 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF