Sei in: Home » Articoli

Il debitore ha più debiti nei confronti della stessa parte? Quando l?imputazione del pagamento spetta al creditore

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 27405/2005) ha stabilito che quando il debitore ha più debiti nei confronti della stessa parte, nel caso in cui non si avvale della facoltà riconosciutagli dall?art. 1193 c.c. primo comma, l'imputazione della somma "come si desume dall?art. 1195 c.c., spetta al creditore, il quale, nello stesso documento di quietanza, può dichiarare d'imputare il pagamento ad uno o più debiti determinati" e che, aggiunge la Corte "dall?art. 1195 c.c. si desume, inoltre, che la dichiarazione d?imputazione del creditore deve essere accettata dal debitore". I Giudici di Piazza Cavour hanno precisato che "i criteri legali dettati dal II comma dell?art. 1193 c.c. hanno carattere suppletivo e sono applicabili solo quando il debitore non abbia effettuato l?imputazione e manchi l?imputazione effettuata dal creditore".
Leggi la motivazione della sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/02/2006 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF