Sei in: Home » Articoli

Il debitore ha più debiti nei confronti della stessa parte? Quando l?imputazione del pagamento spetta al creditore

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 27405/2005) ha stabilito che quando il debitore ha più debiti nei confronti della stessa parte, nel caso in cui non si avvale della facoltà riconosciutagli dall?art. 1193 c.c. primo comma, l'imputazione della somma "come si desume dall?art. 1195 c.c., spetta al creditore, il quale, nello stesso documento di quietanza, può dichiarare d'imputare il pagamento ad uno o più debiti determinati" e che, aggiunge la Corte "dall?art. 1195 c.c. si desume, inoltre, che la dichiarazione d?imputazione del creditore deve essere accettata dal debitore". I Giudici di Piazza Cavour hanno precisato che "i criteri legali dettati dal II comma dell?art. 1193 c.c. hanno carattere suppletivo e sono applicabili solo quando il debitore non abbia effettuato l?imputazione e manchi l?imputazione effettuata dal creditore".
Leggi la motivazione della sentenza
(23/02/2006 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
Multe stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartellaMulte stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartella
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF