Sei in: Home » Articoli

Privacy: controllo del datore sul lavoratore che naviga in Internet

Il Garante per la Protezione dei dati personali (Provvedimento del 2.02.2006) ha stabilito che il datore di lavoro non può spiare la navigazione in Internet del suo dipendente e che il suo controllo è limitato ai tempi di collegamento. Solo con riferimento a tali informativa (ovvero gli accessi a Internet, il tempo trascorso) il datore può contestare gli addebiti al lavoratore. Nel provvedimento l?Autorità ha vietato a una società l'uso dei dati relativi alla navigazione in Internet di un lavoratore che, pur non essendo autorizzato, si era connesso alla rete da un computer aziendale consultando siti (fornendone l'elenco dettagliato) a contenuto religioso, politico etc.
Leggi il provvedimento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/02/2006 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
» Divorzio: le tre vie per dirsi addio
» Whatsapp può spiare le chat private: l'allarme degli esperti
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF