Sei in: Home » Articoli

Cassazione: riconosciuta all'ex coniuge una quota dell'indennitÓ di risoluzione del rapporto di agenzia

In una recentissima pronuncia (Sent. n. 28874/2005) la Corte di Cassazione ha riconosciuto ad una donna il diritto ad una quota dell'indennitÓ percepita dall'ex marito in seguito alla cessazione del rapporto di agenzia, per gli anni in cui tale rapporto si Ŕ svolto in costanza di matrimonio. La Suprema Corte ha osservato che "l?art.12 bis della legge n.898/1970, nel riconoscere all'ex coniuge (non passato a nuove nozze e titolare di assegno divorzile) una quota dell'indennitÓ di fine rapporto percepita dall'altro coniuge all'atto della cessazione del rapporto di lavoro, pari al quaranta per cento dell'indennitÓ totale riferibile agli anni in cui il rapporto Ŕ coinciso con il matrimonio, non menziona il solo trattamento di fine rapporto disciplinato dall'art.2120 c.c. per i lavoratori subordinati privati; e neppure menziona esplicitamente il rapporto di lavoro subordinato, ma usa una locuzione pi¨ generica (rapporto di lavoro) che ben si attaglia anche ai rapporti di lavoro parasubordinato quale, appunto, quello di agenzia?.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/01/2006 - Silvia Vagnoni)
Le pi¨ lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'Ŕ dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietÓ
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione Ŕ abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio Ŕ stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF