Sei in: Home » Articoli

Banche: Cassazione, off limits l'accesso ai documenti

I cittadini che vogliono accedere alla documentazione in banca devono presentarsi con una richiesta di sequestro. Diversamente la consultazione e' off limits. Lo sancisce la Corte di Cassazione che per la prima volta si occupa della questione. In particolare, la Seconda sezione penale, sentenza 42588, rigettando il ricorso di Michele G. il cui diffensore si era visto negare l'accesso ai locali della Cassa di Risparmio per prendere visione di alcuni documenti, ha sottolineato che ''l'accesso alla documentazione'' in un istituto bancario ''e' escluso'' in quanto la ricerca di documenti o la richiesta di copie sono ''attivita' riservate alle perquisizioni e ai sequestri''. Diverso il discorso per l'accesso ai documenti in possesso della pubblica amministrazioni per i quali, dice ancora piazza Cavour, ''l'accesso dei privati'' e' libero ''purche' i richiedenti provino di avere un interesse personale e concreto a prenderne visione''. Nel caso in questione, il difensore di Michele G. aveva ottenuto l'ok dal Tribunale di Firenze, ottobre 2005, di accedere nei locali della Cassa di Risparmio di Firenze per prendere visione di alcuni documenti, ma un mese dopo, lo stesso Tribunale, aveva revocato l'autorizzazione.
Contro il divieto si e' opposto in Cassazione Michele G., sostenendo che ''la legge riconosce alla parte la possibilita' di richiedere l'accesso e il rilascio anche di documentazione conservata presso i privati e non solo presso le pubbliche amministrazioni''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/01/2006 - Adnkronos)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF