Sei in: Home » Articoli

Prescrizioni del Garante sulla gestione dei data-base anagrafici

Il Garante ha disposto la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del provvedimento riguardante la gestione delle anagrafi, ossia della consultazione diretta degli atti anagrafici. Questo provvedimento è stato emesso al termine del procedimento svolto dall?Autority sul caso Laziomatica, ossia un caso di falsa sottoscrizione di candidature alle elezioni regionali del 3 e 4 aprile 2005. In seguito alla richiesta di un avvocato di applicare la disciplina sulle indagini difensive, venivano effettuate - presso la Laziomatica S.p.A. (società a prevalente capitale regionale istituita dalla Regione Lazio) - numerosi accessi illeciti ad un data-base anagrafico del Comune di Roma. La Regione, infatti, sulla base di un protocollo di intesa, avrebbe potuto consultare la banca dati solo per determinate finalità sanitarie. Il Garante ha così eseguito una serie di accertamenti ispettivi, al termine dei quali ha confermato le violazioni intercorse, prescrivendo alla società Laziomatica e agli altri enti interessati, le misure necessarie per conformare i trattamenti di dati personali alle disposizioni vigenti. In realtà, le prescrizioni del provvedimento risultano avere una portata molto più ampia; infatti sono state estese a tutte le amministrazioni comunali. Il motivo di una tale decisione è evidenziato in uno specifico paragrafo del provvedimento nel quale il Garante sottolinea come sia necessario evitare che, ?nel fornire ad amministrazioni pubbliche elenchi anagrafici per motivi di pubblica utilità, si permetta di consultare direttamente i dati dell?anagrafe della popolazione, riportati sia nelle schede informatiche, sia in eventuali elenchi duplicati in data-base di lavoro?.
Autore: Monica Sansone
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/11/2005 - www.dirittosuweb.com.)
Le più lette:
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Il giudice può perquisire la borsa dell'avvocato
In evidenza oggi.
Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
Avvocato e notaio: ecco le professioni più noiose
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF