Sei in: Home » Articoli

Calcolo del danno biologico: il Giudice può utilizzare tabelle di altri tribunali

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 20323/2005) ha stabilito che l'adozione da parte del Giudice delle cd. tabelle per la liquidazione del danno "costituisce di per sé espressione del potere equitativo del giudice" e che questi "non è vincolato all'adozione della tabella adottata presso il proprio ufficio giudiziario e ben può adottare "tabelle" in uso presso altri uffici". La Corte ha poi evidenziato che "peraltro, poiché il fondamento della "tabella" è la media dei precedenti giudiziari in un dato ambito territoriale e la finalità è quella di uniformare i criteri di liquidazione del danno, il giudice deve congruamente motivare le ragioni della sua scelta". Infine i Giudici del Palazzaccio hanno precisato che "che la liquidazione del danno biologico può essere effettuata dal giudice con ricorso al metodo equitativo tenendo conto delle circostanze del caso concreto e specificamente, quali elementi di riferimento della gravità delle lesioni, degli eventuali postumi permanenti, dell?età, dell'attività espletata, delle condizioni sociali e familiari del danneggiato".
Leggi la motivazione della sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/11/2005 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Milleproroghe: approvate le norme sugli avvocati
» Avvocati: via libera alla rottamazione dei debiti con la Cassa
In evidenza oggi.
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF