Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Si possono sbeffeggiare le manie del capo

Si possono scimmiottare le manie del capo senza rischiare di perdere il posto. Parola di Corte di Cassazione che ha annullato il licenziamento intimato a tre dipendenti della Italcementi per avere sbeffeggiato attraverso un volantino le ''ossessioni'' di uno dei manager della societa' con funzioni di amministratore delegato. Nel volantino, i tre dipendenti avevano appunto scimmiottato il ''manager italiano di mezza eta' con incipente calvizie'', mettendo in evidenza ''le ossessioni del paziente dello psicoterapeuta''. Seguivano una serie di valutazioni in chiave satirica per le quali i tre dipendenti, nell'aprile '97, venivano licenziati in tronco a causa degli scritti ''gravemente lesivi dell'immagine della societa''' e per aver ferito ''l'onorabilita' e il decoro'' del manager. La vicenda e' finita in Cassazione dopo che la Corte d'appello di Brescia, nel febbraio del 2003, aveva reintegrato i dipendenti al loro posto di lavoro.
A sollevare il caso, l'azienda non disposta a passare sopra allo sbeffeggiamento dei tre dipendenti che, a suo dire, avevano descritto il manager come un ''soggetto psicopatico che si esprime in maniera sconnessa, psicoanalizzato da una donna di facili costumi''. La sezione Lavoro della Cassazione ha respinto il ricorso della societa' e, allineandosi al giudizio di merito, ha sottolineato che lo sbeffeggiare le ossessioni del manager in chiave satirica non puo' essere oggetto di ''licenziamento per giusta causa''. Tanto piu', rimarca piazza Cavour, che ''le ossessioni del manager non sono rappresentate come manifestazioni di follia'' e comunque le vicende narrate ''non sono tali da suscitare sentimenti di ripugnanza, disprezzo o dileggio''.
(06/11/2005 - Roberto Cataldi)
Le pių lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi č ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna pių di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna pių di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi č ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi č ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF