Sei in: Home » Articoli

Cassazione, Sez. civili, Sentenza 27.04.2004 n░ 8060

Ove il giudice di merito abbia rispettato i criteri di valutazione dell?impossibilitÓ di deambulazione o dell?incapacitÓ di compimento degli atti quotidiani della vita imposti dall?art. 1 della Legge 18/80, citato, e abbia giustificato con congrua motivazione tale valutazione non e? sindacabile in sede di legittimitÓ per tale valutazione, in quanto essa costituisce un accertamento di fatto. Nella specie la Corte d?Appello di Milano, con motivazione adeguata e immune da vizi logici, aveva accertato in fatto, sulla base della disposta consulenza tecnica, che l?impossibilitÓ di deambulazione della S.L. era costituita dal fatto che essa poteva compiere da sola entro le mura domestiche soltanto qualche passo e che, in ogni caso, non poteva uscire di casa se non accompagnata, dipendendo ?totalmente dagli altri per spese e approvvigionamenti esterni?. Correttamente, pertanto, tale situazione si era concretizzata per la Corte di merito in una impossibilitÓ di deambulazione autonoma tutelabile dall?art. I della L. li febbraio 1980, n. 18, citato, con la concessione dell?indennitÓ di accompagnamento.
LaPrevidenza.it, 12/09/2005
Cassazione, Sez. civili, Sentenza 27.04.2004 n░ 8060
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/10/2005 - www.laprevidenza.it)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: la pennichella pu˛ aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Milleproroghe: approvate le norme sugli avvocati
» Avvocati: via libera alla rottamazione dei debiti con la Cassa
In evidenza oggi.
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF