Sei in: Home » Articoli

Divorzio: Cassazione, la moglie Colf va mantenuta anche se l'ex è pensionato

Lei fa lavori umili e non ha una 'specifica professionalità'? Il marito, in caso di separazione, è tenuto a mantenerla, anche da pensionato e con introiti al di sotto dei 1500 euro mensili. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che ha condannato Giuseppe M., un marito romano pensionato, a versare mensilmente alla ex moglie Angioletta, di professione colf, un assegno divorzile di 250 euro al mese, rivalutabile secondo gli aumenti Istat. Per la Suprema Corte, a nulla rileva il fatto che il marito sia a riposo dalla sua attività e percepisca una pensione inferiore ai 1500 euro mensili: la moglie deve essere mantenuta perchè, avendo sempre svolto lavori umili, manca di una "specifica professionalità", idonea a dimostrare che Angioletta "non gode di mezzi idonei a consentirle di conservare il precedente tenore di vita". cassazione: spacciò uno spinello di hashish, condannato minorenne 2,5 euro di stupefacente ma il ragazzo va punito.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/09/2005 - Adnkronos)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF