Sei in: Home » Articoli

Previdenza forense: requisito della continuità nell'esercizio della professione

La Cassa forense non può negare la pensione di vecchiaia all?avvocato, affermando la mancanza del requisito della continuità nell?esercizio della professione, per il periodo anteriore a cinque anni dalla presentazione della domanda, se non ha a suo tempo proceduto alla revisione degli iscritti. E' questo il principio affermato dalle Sezioni Unite della Cassazione nella sentenza n. 13289 del 21 giugno 2005, che dirime il contrasto giurisprudenziale esistente sulla questione. LaPrevidenza.it, 08/08/2005
Cassazione, SS.UU. civili, sentenza 04.08.2005 n° 13289
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/09/2005 - www.laprevidenza.it)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF