Sei in: Home » Articoli

Mobbing: demansionamento e ripartizione onere della prova

In caso di lamentato mobbing da parte del lavoratore, trova applicazione l'art. 2.087 c.c., che ripartisce l'onere della prova tra le parti. Il datore di lavoro dovrà, infatti, dimostrare di aver ottemperato agli obblighi di protezione dell'integrità psichica e fisica dei propri dipendenti; questi ultimi, invece, saranno gravati dal solo onere di provare l'effettiva lesione della suddetta integrità e il nesso di causalità tra tale evento e lo svolgimento dell'attività lavorativa. (Avv. Valentina Rossi - staff LaPrevidenza.it)
Tribunale di Tempio Pausania, Sentenza 10 luglio 2003 n° 157
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/07/2005 - www.laprevidenza.it)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF