Sei in: Home » Articoli

Cassazione: ok al permesso di soggiorno per il trans che si sposa

Anche il transessuale che si sposa puo' ottenere il permesso di soggiorno ''per motivi familiari''. Lo ha sancito la Corte di Cassazione che ha respinto il ricorso presentato dal ministero dell'Interno che si era opposto al permesso di soggiorno accordato ad un trans extracomunitario, Liony A., che nel giugno del 2000 aveva sposato una cittadina italiana Fulvia L.. Vistosi negare il permesso di soggiorno dal questore di Massa, il trans lo riottenne dal tribunale della stessa citta' nel dicembre del 2002 e successivamente dalla Corte d'Appello di Genova nel marzo 2003. Contro la decisione si e' opposto in Cassazione il Viminale facendo notare ''il carattere fittizio del matrimonio'' dimostrato, a detta del dicastero, dalla ''grande differenza d'eta' tra i due coniugi, dal difetto di mezzi di sostentamento dello straniero, titolare dei soli beni provenienti dall'attivita' di prostituzione e dalla discontibuita' della convivenza'' con la consosrte che si incontrava con lo sposo trans ''una volta al mese'' essendo residente e domiciliata in un comune diverso.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/07/2005 - Adnkronos)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF