Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Sentenza disciplina contestazioni a catena e misure cautelari per fatti diversi

Le Sezioni Unite Penali hanno stabilito il seguente principio di diritto: "nel caso di emissione nei confronti di un imputato di più ordinanze che dispongono la medesima misura cautelare per fatti diversi, commessi anteriormente all?emissione della prima ordinanza, legati da concorso formale, da continuazione o da connessione teleologica, la retrodatazione della decorrenza dei termini delle misure disposte con le ordinanze successive opera indipendentemente dalla possibilità, al momento dell?emissione della prima ordinanza, di desumere dagli atti l?esistenza dei fatti oggetto delle ordinanze successive, e, a maggior ragione, indipendentemente dalla possibilità di desumere dagli atti l?esistenza degli elementi idonei a giustificare le relative misure". Tuttavia, nel caso di emissione nei confronti di un imputato di più ordinanze che dispongono la medesima misura cautelare per fatti diversi, tra i quali non sussiste la connessione prevista dall?articolo 297, comma 3, Codice Procedura Penale, i termini delle misure disposte con le ordinanze successive decorrono dal giorno in cui è stata eseguita o notificata la prima, se al momento dell?emissione di questa erano desumibili dagli atti gli elementi che hanno giustificato le ordinanze successive.
(Cassazione - Sezioni Unite Penali, Sentenza 22 marzo 2005 - 10 giugno 2005, n.21957: Articolo 297.3 Codice Procedura Penale - Misure cautelari personali - Contestazioni a catena - Termini - Retrodatazione - Disciplina).
Leggi il provvedimento su www.Filodiritto.com
(27/06/2005 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF