Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Integra ingiuria l'appellativo "marocchino" rivolto con attitudine di spregio

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 19378/2005) ha stabilito che "sostantivare l'aggettivo che riflette la provenienza etnica di una persona ed apostrofare quest'ultima in tal modo, con evidente atteggiamento di scherno e dileggio, costituisce ingiuria, che si connota, per giunta, di chiaro intento di discriminazione razziale, rendendo così più riprovevole sotto il profilo soggettivo la condotta offensiva". In particolare i Giudici di Piazza Cavour hanno affermato che "non può non rilevarsi che il rispetto dell'altrui persona esige che ad essa ci si rivolga appropriatamente, mediante l'uso del nome o del cognome". Con questa decisione la Corte ha confermato la condanna per ingiuria del datore di lavoro che aveva rivolto l?appellativo 'marocchino' con attitudine di spregio ad un proprio dipendente proveniente dal Marocco.
Leggi la sentenza
(16/06/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Addio ai voucher, arriva il lavoro breve e intermittente liberalizzato
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Caduta per la strada: quando si può parlare di insidia
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
» Asili nido: al via il bonus di mille euro
In evidenza oggi
Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuitiAvvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
ANAC e Codice Appalti: con un blitz il Governo ridimensiona i poteri anti-corruzione di Raffaele CantoneANAC e Codice Appalti: con un blitz il Governo ridimensiona i poteri anti-corruzione di Raffaele Cantone
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF