Sei in: Home » Articoli

Concorsi "riservati": motivi di nullità

Accade talvolta di dover rinunciare a un pubblico concorso per via di talune clausole del bando che ci rendono ?inidonei? alla partecipazione.
La Corte di Cassazione, con Sentenza n. 570/2002, intervenendo in materia, ha stabilito che sono radicalmente nulli quei bandi di concorso (per posti in Enti Pubblici) che contengono delle limitazioni alla partecipazione esclusivamente a favore dei figli dei dipendenti in servizio e di ex dipendenti.
Nella parte motiva i Giudici osservano che tale limitazione va considerata illegittima perché fortemente in contrasto con norme imperative.
La Corte, prendendo le mosse dal riconoscimento, effettuato in altre pronunce, della nullità di quelle clausole che, inserite nei bandi, subordinano l?assunzione dei vincitori all?inesistenza di vincoli di parentela, hanno osservato come tale principio possa valere anche nel senso contrario. Infatti, la limitazione alla partecipazione ai figli dei dipendenti, contrasta in ugual modo sia con i precetti costituzionali in materia di tutela del lavoro (artt. 1, 4 e 35) e dei diritti della persona (artt. 3 e 31), sia con le norme di legge che escludono qualsiasi rilievo, nell?ambito del rapporto di lavoro, a fatti che non siano rilevanti all?attitudine professionale del lavoratore.
In buona sostanza la Corte ha voluto sottolineare come il divieto delle limitazioni, non trova validità solo ad excludendum ma trova riconoscimento anche nelle ipotesi ad includendum. La corte ha osservato infatti che ?come l?assenza, così la presenza dei suddetti vincoli è un fatto estraneo all?attitudine professionale del lavoratore; sicché contraria all?art. 8 dello Statuto dei lavoratori, oltre che ai principi dettati dagli artt. 1, 4 e 35 della Costituzione, è anche la clausola che subordina l?assunzione all?esistenza nonché all?inesistenza di vincoli di parentela con dipendenti dell?ente?.
(20/06/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietà post-coniugale
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Tasso di mora usurario: conversione del mutuo oneroso in gratuito
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
In evidenza oggi
Cellulare alla guida: via la patente da subito e multe fino a 2.500 euro. Le novità in arrivoCellulare alla guida: via la patente da subito e multe fino a 2.500 euro. Le novità in arrivo
Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercatoSinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF