Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il termine per il disconoscimento della paternità decorre dalla nascita del figlio

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sentenza 25.02.2005 n. 4090) ha stabilito che per la proposizione della domanda di disconoscimento della paternità, la decorrenza del termine va individuata nel momento della nascita del figlio. I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che è per l'appunto da questa data "e non da quella di raggiunta 'certezza' negativa sulla paternità biologica, che inizia a decorrere l'anno entro il quale va introdotto il giudizio di disconoscimento da parte del padre ai sensi dell'art. 235, co. 1 n. 3 e dell'art. 244, co.
2, cod. cod. civ., come additivamente emendato con sentenza n. 134/1985 della Corte costituzionale" e che "una una diversa esegesi del suddetto art. 244 - che, come sostanzialmente preteso dal ricorrente, differisse a tempo indeterminato l'azione di disconoscimento, facendone decorrere il termine di proponibilità dai risultati di una indagine (stragiudiziale) cui non è dato a priori sapere se e quando i genitori possano addivenire - sacrificherebbe in misura irragionevole i valori di certezza e stabilità degli statua e deirapporti familiari, a garanzia dei quali la norma è viceversa predisposta".
Leggi la sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/04/2005 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
» Lavoro: la pausa caffè non è reato
» Semaforo giallo: quando scatta la multa?
In evidenza oggi.
Terremoto: sospeso il pagamento dei premi assicurativi
Pensione giovani: si pensa a una garanzia dello Stato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF