Sei in: Home » Articoli

Compenso per le professioni intellettuali

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 6224 del 29 aprile 2002, ha stabilito che i compensi spettanti ai professionisti per i lavori svolti nell?esecuzione di un contratto d?opera ex art. 2230 ss. cc. debbono considerarsi crediti di valuta. Essi non si trasformano in crediti di valore neppure nel caso di inadempimento del cliente. Ne discende che, in caso di mora, gli interessi su tali somme sono dovuti in misura legale, mentre, ai fini del riconoscimento del maggior danno da svalutazione monetaria, incombe sul creditore un orere di allegazione che dia modo di verificare l?esistenza concreta del danno in relazione alle qualità personali del creditore e all?attività di fatto esercitata.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/06/2002 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF