Sei in: Home » Articoli

Le c.d. ?carte di fidelizzazione?: nuove regole dell?Autorità garante

L'Autorità garante per la protezione dei dati personali, con un provvedimento a carattere generale, ha fissato le linee guida per un corretto uso dei dati personali dei clienti da parte delle società che rilasciano le cosiddette ?carte di fidelizzazione?. Più precisamente, le regole concernono il settore della grande distribuzione e le tre principali finalità per le quali i dati personali dei clienti vengono raccolti ed utilizzati: la fidelizzazione (realizzata attribuendo vantaggi al cliente), la profilazione (mediante l'analisi delle abitudini e delle scelte di consumo) e il marketing diretto. Il provvedimento stabilisce che il primo obbligo per chi rilascia carte di fedeltà è quello di informare in maniera chiara e completa i clienti sull'uso che verrà fatto dei dati che li riguardano, tenendo conto delle diverse finalità perseguite.
Inoltre, l?Autorità ha stabilito che i dati personali dei clienti raccolti ai fini della profilazione possono essere conservati per un periodo massimo di un anno, mentre quelli raccolti a fini di marketing possono essere conservati per non più di due anni.
(16/03/2005 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Stalking: reato cancellato con i soldi … anche se la vittima non vuole
» Usucapione: il possesso dei genitori si trasmette ai figli
» Multe non pagate? Niente passaporto
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
In evidenza oggi
Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reatoAvvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per leggeAvvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo