Sei in: Home » Articoli

Cassazione: I Vip dicono troppe parolacce

I vip dicono troppe parolacce. A mettere un freno al parlare un po' troppo disinvolto dei ''personaggi molto in vista'' non solo del mondo della spettacolo ma degli ''ambienti più disparati'' è la Corte di Cassazione che sancisce che questo ''diffuso malcostume'' spesso è ''anche più dannoso della violenza fisica''. La Suprema Corte si sofferma sull'argomento affrontando un caso di diffamazione avvenuto nel mondo dello spettacolo e peraltro finito in prescrizione, ma la Quinta sezione penale non si fa sfuggire l'occasione per imporre l'alt alle parolacce in libertà. ''E' vero - scrive il consigliere estensore Luigi Calabrese nella sentenza 7568/05 - che oggi è invalso il costume, ormai diffuso, di avvalersi di inaccettabili linguaggi usati anche da personaggi molto in vista, negli ambienti più disparati, ma si tratta di un malcostume - mette in guardia - che deve essere contenuto per la salvaguardia di corretti rapporti tra i consociati che debbono essere improntati ad un minimo di rispetto e di civiltà, requisiti ai quali non è possibile rinunciare''. Anzi, rincara la dose la Cassazione per fare capire che è ora di mettere un freno all'uso della parolaccia, la ''violenza verbale, ingiustamente tollerata proprio in nome della libertà di espressione e di critica, è talvolta più dannosa della violenza fisica''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/03/2005 - Adnkronos)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF