Sei in: Home » Articoli

Tribunale Nola: Sentenza decadenza impugnazione delibera assembleare - esercizio opzione

Il Tribunale di Nola si è pronunciato su un caso di decadenza dal termine di impugnazione di delibera assembleare e di esercizio del diritto di opzione ex art. 2441 Codice Civile per l?acquisto di quote a seguito di aumento del capitale sociale. A questo proposito, il Giudice ha correttamente stabilito che pur essendo nel caso di specie rilevabile un difetto di forma, nessuna conseguenza processuale e sostanziale ne deriva, visto che l?azione proposta è relativa espressamente solo ad impugnativa di delibera assembleare di aumento del capitale per motivi ex art. 2484 Codice Civile e visto che il riferimento all?art. 2441 Codice Civile come motivo di impugnativa è coltivato solo incidentalmente.
In effetti, ed in ogni caso laddove ci fosse stata una più espressa motivazione di impugnativa a riguardo, la mancata offerta di opzione di quote per aumento del capitale sociale non rappresenta un motivo di invalidità ed inefficacia della delibera ex art. 2377 Codice Civile, in quanto non influisce sulla legittimità della stessa: infatti la mancata offerta di opzione potrà dare luogo esclusivamente ad una tutela di tipo risarcitorio, senza tuttavia incidere sulla posizione dei terzi acquirenti in buona fede. Perché la prelazione abbia effetti reali infatti è necessario che abbia fonte legale e che sia espressamente previsto dalla legge il riscatto quale rimedio per il caso di sua violazione. In difetto la prelazione, ancorché prevista dalla legge, non potrà che assumere un contenuto obbligatorio fondando un?azione risarcitoria in favore del socio pretermesso, oltre che un?azione di responsabilità nei confronti degli amministratori. (Tribunale di Nola - Sezione Prima Civile, Sentenza 14 febbraio 2005). [Sentenza cortesemente inviata dall'Avv. Pietro D'Antò - IUS SIT www.iussit.it].
Leggi il provvedimento su www.Filodiritto.com
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/03/2005 - www.filodiritto.com)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF