Sei in: Home » Articoli

Tribunale Modena: Decreto amministrazione di sostegno anche per anziani

Con un motivato Decreto, il Giudice Tutelare del Tribunale di Modena ha nominato un amministratore di sostegno per una persona anziana di 86 anni non affetta da alcuna patologia mentale. In particolare, il Giudice ha rilevao che Legge 9 gennaio 2004, n. 6 non ha espressamente previsto tra i beneficiari le persone anziane. Durante l'esame del testo di legge da parte della Camera dei Deputati, probabimente per effetto delle critiche dottrinarie avanzate alla nuova formulazione del nuovo art. 405 c.c., venne espunto il riferimento, prima presente nel testo approvato dal Senato, alla persona in etÓ avanzata, quale beneficiario della misura protettiva, sul presupposto che la sola etÓ avanzata non poteva costituire causa di privazione di autonomia (senectus ipsa morbus). Tuttavia, secondo il Giudice, la formula utilizzata dall'art. 404 c.c., per indicare i presupposti soggettivi necessari per l'istituzione della misura protettiva, sembra avere tale ampiezza ed elasticitÓ da consentire di ricomprendervi, a date condizioni, anche le persone anziane. In sostanza, l'etÓ avanzata non pu˛ essere, di per sÚ stessa, presupposto fondante un provvedimento di amministrazione; ci˛ che, invece, pu˛ darsi, quando la vecchiaia possa determinare una limitazione apprezzabile delle funzioni della vita quotidiana.
Sembra, anzi, che proprio, in tal caso, la finalitÓ dichiarata della nuova legge ne risulti esaltata; ben essendo possibile tutelare "con la minor limitazione possibile della capacitÓ di agire" la beneficiaria, persona anziana che risulta priva di autonomia nell'espletamento di (talune) funzioni della vita quotidiana. (Tribunale di Modena - Sezione Seconda Civile - Ufficio del Giudice Tutelare, Decreto 24 febbraio 2005).
Leggi il provvedimento su www.Filodiritto.com
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/03/2005 - www.filodiritto.com)
Le pi¨ lette:
» Diritto all'indennitÓ di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF