Sei in: Home » Articoli

Licenziamento per giusta causa

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con sentenza n. 5332 dello scorso 13 aprile, ha stabilito che in tema di licenziamento per giusta causa, la valutazione del comportamento del lavoratore costituisce un apprezzamento di fatto riservato al giudice di merito incensurabile in sede di legittimità. In particolare, la Corte ha precisato che con riguardo ai dipendenti di istituti di credito, ?l'idoneità del comportamento contestato a ledere il rapporto fiduciario - rapporto che è più intenso nel settore bancario - deve essere valutata con particolare rigore e a prescindere dalla sussistenza di un danno effettivo per il datore di lavoro?. In questi casi, peraltro, è irrilevante la circostanza che con la sentenza penale di condanna per il medesimo fatto siano stati riconosciuti al lavoratore i benefici della sospensione condizionale della esecuzione della pena e della non menzione della condanna, poichè si tratta di istituti la cui applicazione è rimessa alla valutazione del giudice penale, e non sono suscettibili di autonomo apprezzamento nell'ambito del procedimento disciplinare.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/06/2002 - Marina Demaria)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF