Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l?esigenza di garantire l?interesse dei figli alla conservazione dell?ambiente domestico giustifica l?assegnazione della casa coniugale

In caso di divorzio la casa coniugale può essere assegnata solo al genitore cui sono stati affidati i figli o con il quale i figli convivono oltre la maggiore età, purché economicamente non autosufficienti. E? quanto ha stabilito la Cassazione (Sent. n. 408/2005) accogliendo l?orientamento giurisprudenziale più rigoroso in materia di assegnazione della casa coniugale nella separazione e nel divorzio. Tale orientamento prevede che la casa coniugale possa essere assegnata solo in favore del genitore affidatario dei figli con la conseguenza che in assenza di figli o in assenza di figli ancora dipendenti dai genitori la casa resta nella disponibilità del proprietario.
Con tale pronuncia la Corte ha ribadito che l?assegnazione si giustifica solo con "l?esigenza di garantire l?interesse dei figli alla conservazione dell?ambiente domestico".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/02/2005 - Silvia Vagnoni)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF