Sei in: Home » Articoli

Finita locazione? Il canone è dovuto finchè l'immobile non è riparato

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione 14608/2004) ha stabilito che "il locatore che, al termine della locazione, non possa disporre della cosa locata per fatto del conduttore ha diritto di conseguire da quest'ultimo il corrispettivo convenuto, nonché il risarcimento di danni ulteriori, ove ne dimostri l?esistenza". I Giudici di Piazza Cavour hanno precisato che "la mancata disponibilità della cosa locata ricorre non soltanto allorché, scaduto il termine per la riconsegna, il conduttore non vi provveda, restando in tal caso obbligato, ai sensi dell'art. 1591 Cod. Civ., al pagamento dei canoni ed al risarcimento dell'eventuale maggior danno, ma anche tutte le volte in cui, per fatto imputabile al conduttore, il locatore non possa trarre dalla cosa alcun vantaggio, come nell'ipotesi- corrispondente al caso di specie - in cui l'immobile presenti alla riconsegna danni eccedenti il degrado dovuto a normale uso dello stesso, con conseguente sua inutilizzabilità per il periodo per il quale si protraggano i lavori di ripristino".
Leggi la motivazione della sentenza
(27/01/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
Multe stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartellaMulte stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartella
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF