Sei in: Home » Articoli

Parti comuni: come vincere la presunzione di condominialitÓ

Il condominio negli edifici Ŕ caratterizzato dalla coesistenza di una proprietÓ individuale dei singoli condomini costituita dal singolo appartamento e dalla comproprietÓ delle parti comuni dell?edificio elencate nell?art. 1117 c.c. Quando dunque nel linguaggio comune si parla di condominio si fa spesso riferimento al fatto che un singolo edificio Ŕ composto da pi¨ appartamenti con diversi proprietari. In senso tecnico, con il termine ?condominio? si indica un tipo particolare di comunione che ha per oggetto le parti comuni dell?edificio in cui si trovano le singole proprietÓ. Al fine di chiarire quali siano in concreto queste ?parti comuni? dell?edificio, Ŕ intervenuta di recente la Corte di Cassazione (sentenza n. 5633 dello scorso 18 aprile), facendo riferimento all?elencazione di cui all?art.1117 c.c.. La corte ha per˛ precisato che tale elencazione non Ŕ tassativa ed esiste pertanto una presunzione legale di condominialitÓ in relazione a detti beni che ?deriva sia dall'attitudine oggettiva del bene al godimento comune sia dalla concreta destinazione di esso al servizio comune?. Per vincere questa presunzione, il soggetto che rivendichi la proprietÓ esclusiva di un bene (altrimenti condominiale) ha l'onere di fornire la prova di tale diritto.
A tal fine Ŕ necessario un titolo di acquisto dal quale si desumano elementi tali da escludere inequivocabilmente la comunione, mentre non sono sufficienti le risultanze del regolamento di condominio, nŔ tantomeno l'inclusione del bene nelle tabelle millesimali come proprietÓ esclusiva di un singolo condomino.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/05/2002 - Marina Demaria)
Le pi¨ lette:
» Multe: quando scadono?
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Avvocati: la petizione contro la Cassa forense arriva nei tribunali
» Caduta sulle scale bagnate? Paga il condominio
In evidenza oggi.
CONTENZIOSO BANCARIO
Prova gratis per 30 giorni la nuova piattaforma di diritto e contenzioso bancario (Maggioli Editore)
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF