Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la 'carriera' di ladro è stroncata, niente prigione

Professionista del furto cadde mentre tentatava di rubare in una casa, si procurò ''gravi fratture'': la sua 'carriera' di ladro è ormai stroncata non andrà in prigione. E' il senso di una sentenza della Corte di Cassazione che concede, per così dire, un 'premio' a, Haris J., un 36enne extracomunitario che ''aveva tentato di introdursi nell'abitazione di una signora fiorentina, Rossana B., ma era caduto per il cedimento di un ferro della ringhiera del terrazzo''. In seguito alla caduta, il ladro aveva riportato ''gravi lesioni''. Per questo il Tribunale di Pisa, in primo grado, e la Corte d'appello di Firenze, nel dicembre 2003, avevano inflitto all'extracomunitario quattro mesi di reclusione e 200 euro di multa, con la sospensione condizionale, per il tentativo di ''furto aggravato''. Sentenziarono i giudici che le lesioni dell'extracomunitario ''avevano determinato condizioni fisiche irreversibili che sicuramente non gli consentiranno più di avvicinarsi al crimine''. Giudizio condiviso dalla Quinta sezione penale della Cassazione (sentenza 46815/04) che è andata oltre la pronuncia di merito, colmando la sua ''omissione''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/12/2004 - Adnkronos)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF