Sei in: Home » Articoli

Nullità della chiamata in causa di terzo non autorizzata

La chiamata in causa di terzo effettuata dall'attore in mancanza dell'autorizzazione del giudice prevista dall'art. 183 c.p.c. è affetta da nullità radicale. La norma citata devolve, infatti, alla valutazione del giudice la tutela dell'interesse alla rapidità del giudizio, interesse che ha rilevanza costituzionale, atteso che l'art. 111 Cost. impone espressamente che sia assicurata la ragionevole durata del processo.
Nella decisione
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/12/2004 - www.ilcaso.it)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
» Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
In evidenza oggi.
Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
AAA: cercasi medici per fare aborti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF