Sei in: Home » Articoli

Cassazione: condannato per lo schiaffo alla figlia

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 46775/04), intervendo nel caso di un padre che aveva schiaffeggiato la figlia che si era sporcata le mani disegnando sulla sabbia, ha ritenuto che nel caso particolare lo schiaffo è stato un gesto così grave da escludere, nel comportamento del genitore, il corretto esercizio dello 'ius corrigendi'. Con questa decisione i Giudici della Corte hanno confermato la Sentenza di condanna per percosse, inflitta dalla Corte di Appello, ritenendola congrua ed esente da vizi.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/12/2004 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Milleproroghe: approvate le norme sugli avvocati
» Avvocati: via libera alla rottamazione dei debiti con la Cassa
In evidenza oggi.
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF