Sei in: Home » Articoli

Cassazione: licenza di alzare la voce con il capo in ufficio

Licenza di alzare la voce con il capo in ufficio. Lo sancisce la Corte di Cassazione che ha reso definitiva l'assoluzione di un giovane impiegato di 27 anni che, nel corso dell'ennesima lite sul posto di lavoro con il suo superiore, gli aveva detto agitandogli i pugni davanti al viso: ''mi fai ridere'' e minacciandolo, ''stai molto attento''. Per la suprema corte questo tipo di comportamento va assolto in quanto deve essere inquadrato nel ''contesto di discussioni avvenute nell'ambiente di lavoro''. I fatti analizzati dalla V sezione penale risalgono all'agosto del 2002. Dino A. un 27enne veneziano fin davanti al giudice di pace di Venezia per essersi rivolto ad un suo superiore Luca V. di 42 anni, dicendogli appunto ''mi fai ridere'' e minacciandolo con agitando i pugni ''stai molto attento''. Imputato per i reati di ingiuria e di minaccia, Dino A. venne assolto dal giudice di pace di Venezia nell'aprile del 2003, invano il superiore offeso si rivolto alla Cassazione sostenendo che le offese erano ripetute ''in pi occasioni'' e che erano state sentite da altri colleghi d'ufficio.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/12/2004 - Adnkronos)
Le pi lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF