Sei in: Home » Articoli

Cassazione: è reato offendere anziani ricoverati in case di cura

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 31435/2004) ha stabilito che rischia la condanna per maltrattamenti e violenza privata chi insulta e offende le persone anziane ricoverate in una casa di cura. I Giudici di Piazza Cavour hanno precisato che atteggiamenti e comportamenti di disprezzo e di maleducazione posti in essere da assistenti delle case di cura, nei confronti degli ospiti della struttura, oltre a rappresentare una assoluta carenza di professionalità, costituiscono veri e propri maltrattamenti per le sofferenze imposte alle persone indifese ivi ricoverate.
Con questa decione la Corte ha condannato una donna che prestava servizio in una struttura pubblica (per pazienti anziani non autosufficienti) e che aveva posto in essere una serie di comportamenti maleducati e arroganti nei confronti dei pazienti che, consapevoli della loro impotenza e del potere di fatto esercitato dalla loro assistente di fatto caddero in uno stato di prostrazione e di timore di ritorsione tanto da indursi a non voler più parlare di quegli episodi.
Leggi la sentenza
(01/12/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Condominio: il condizionatore voluminoso va rimosso
» Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
» Licenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
In evidenza oggi
Incidenti stradali: le nuove regole sul risarcimentoIncidenti stradali: le nuove regole sul risarcimento
Multa a Wind per la riduzione a 28 giorni del rinnovo delle offerte: cosa cambia per gli utenti?Multa a Wind per la riduzione a 28 giorni del rinnovo delle offerte: cosa cambia per gli utenti?
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Incidenti stradali: le nuove regole sul risarcimento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF