Sei in: Home » Articoli

Reperibilità delle dipendenti in malattia

Spesso le visite fiscali alle lavoratrici assenti dal lavoro per ragioni di salute, vengono vanificate dall?apparente irreperibilità, dovuta alla mancata indicazione del loro cognome da nubili sui citofoni delle proprie abitazioni.
Per risolvere una volta per tutte la delicata questione la Corte di Cassazione, con Sent. n. 4765/2002, ha così stabilito che le lavoratrici hanno l?obbligo di fornire indicazioni complete sul proprio citofono.
Nella parte motiva della sentenza si precisa che l?incompletezza delle informazioni si traduce in una violazione del dovere di diligenza che fa carico al lavoratore e ciò in quanto viene ad ostacolare, se non ad impedire, il regolare controllo della visita fiscale.
I Giudici della Corte hanno così rigettato una Sentenza del Tribunale di Arezzo, che aveva riconosciuto un?indennità di malattia per assenza dal lavoro, a una dipendente risultata appunto irreperibile per non aver indicato esattamente il suo cognome.
(23/05/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF