Sei in: Home » Articoli

Cittadino cade in una struttura pubblica? Non deve provare l'insidia/trabochetto

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 19653/2004) ha stabilito che l'utente che cade in una struttura pubblica, ha diritto al risarcimento del danno, purché dimostri l'esistenza di un nesso causale tra bene e l'evento dannoso. I Giudici del Palazzaccio, in accoglimento del ricorso presentato da una cittadina caduta all'interno del Palazzetto dello Sport (di proprietà comunale), hanno precisato che "allorquando invochi la responsabilità di cui all'art. 2051 cod. civ. contro una P.A. (o il gestore) in relazione a danno originatosi da bene demaniale o patrimoniale soggetto ad uso generale, il danneggiato non è onerato della dimostrazione della verificazione del danno in conseguenza dell'esistenza di una situazione qualificabile come insidia o trabocchetto, bensì esclusivamente - come di regola per l'invocazione dalla suddetta norma - dell'evento dannoso e del nesso causale fra la cosa e la sua verificazione".
Leggi la motivazione della sentenza
(23/11/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF