Sei in: Home » Articoli

Cassazione: le accuse degli studenti ai Prof. non sono reato

Gli studenti possono accusare, anche per iscritto, i loro insegnanti. Anche se le accuse si rivelano ''infondate'' non costituiscono reato. Lo sancisce la Corte di Cassazione che ha annullato la doppia condanna per diffamazione inflitta ad uno studente del Liceo classico ''Campanella'' di Reggio Calabria. Per la Suprema Corte, le accuse, per quanto possano ''offendere'' la reputazione dei docenti devono essere inquadrate nelle ''battaglie ricorrenti nella vita scolastica'' e vanno pertanto considerate alla stregua di una ''tipica diatriba della conflittualita' scolastica'', non passibili di condanna.
Il caso: Gabriele P., studente di liceo, era stato condannato dal Tribunale reggino per il reato di diffamazione ''per avere scritto al provveditore agli studi e alla preside dell'istituto una lettera offensiva della reputazione di due prof (Filomena V. e Caterina M.) indicate come le persone che avevano cercato di convincerlo a dare battaglia alla preside in consiglio d'istituto e che lo avevano poi denigrato e perseguitato anche con valutazioni negative del profitto scolastico''. Accuse troppo gravi anche per la Corte d'appello di Reggio Calabria che, nel novembre 2003, aveva confermato la condanna nei confronti dello studente dopo avere sentito le insegnanti offese e sulla base anche della ''ammissione della falsita' delle accuse'' sollecitate in un certo qual modo ''anche dalla preside''.
(22/11/2004 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Assegno sociale: è compatibile con la pensione di reversibilità?
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
In evidenza oggi
Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate RiscossioneNiente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF