Sei in: Home » Articoli

Sentenze definitive e giudizio divisorio

Le qualificazioni giuridiche sul ?nomen juris? sono inidonee a divenire oggetto di un giudicato autonomo, interno od esterno, sicché il giudice che con la sua decisione statuisce sull?intera materia del contendere e dichiara la propria sentenza non definitiva emette una declaratoria del tutto improduttiva di effetti processuali e sostanziali, per l?insanabile suo contrasto con la realtà giuridica. La tesi secondo cui la sentenza di rigetto delle opposizioni al progetto divisionale ex art. 789 com. 1° c.p.c. non è definitiva non è condivisibile in quanto nei giudizi di divisione hanno natura di sentenze definitive solo quelle che sciolgono la comunione, avendo quelle rese su questioni incidentali carattere strumentale e quindi non definitivo. E' definitiva la sentenza che decide interamente la causa tra due litiganti lasciando pendente quella tra uno di costoro ed un terzo litigante.
Nella sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/11/2004 - www.ilcaso.it.)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF