Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la normativa dell'annullamento per i vizi del consenso vale anche per la separazione consensuale

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 17902/2004) ha stabilito che il coniuge separato può chiedere l'annullamento della separazione consensuale tutte le volte che il proprio consenso sia stato estorto con violenza o carpito con dolo. I Giudici del Palazzaccio hanno così precisato che l'annullamento per i cosiddetti "vizi del consenso" (errore, violenza e dolo) stabilito in materia di contratti, può essere applicato anche ai negozi di diritto familiare e in particolar modo alla separazione consensuale anche se omologata dal Tribunale. I Giudici hanno infatti osservato che nella separazione consensuale, la volontà dei coniugi nel separarsi e nel concordare le condizioni della separazione, ha un valore primario mentre la funzione del Giudice è limitata a un mero controllo che non può sostituire la volontà delle parti (fatta eccezione per quanto riguarda i provvedimenti nell'interesse dei figli minori).
Leggi la motivazione della sentenza
(09/11/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF