Sei in: Home » Articoli

No alle antenne che deturpano l'ambiente

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sent. 1419/02) è intervenuto nella delicata questione inerente l'installazione di impinati e sistemi per il miglioramento della rete della telefonia mobile cellulare. Una questione che, nonostante il crescente utilizzo in società, continua a creare molte perplessità soprattutto (ma non solo) per i temuti ?effetti collaterali? per la nostra salute.
Con la decisione adottata, il TAR si è interessato questa volta dell?aspetto paesagistico ed ha ritenuto legittimo un provvedimento di diniego della P.A. al rilascio di una concessione edilizia per l'installazione appunto di un?antenna per la telefonia cellulare.
Nella parte motiva, i Giudici hanno evidenziato che l'installazione di detta antenna (che nella fattispecie era risultata molto alta), avrebbe comprotato un forte impatto ambientale sotto il profilo paesaggistico.
Si è voluto così difendere un bene la cui tutela ai nostri giorni sta diventando sempre più complessa e problematica con il rischio concreto di dimenticare che l?ambiente è forse il bene giuridico più prezioso di cui dovremmo occuparci.
(21/05/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Condominio: il condizionatore voluminoso va rimosso
» Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
» Licenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
In evidenza oggi
Avvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisiAvvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisi
Conto cointestato: le somme prelevate quando la coppia è in crisi vanno restituiteConto cointestato: le somme prelevate quando la coppia è in crisi vanno restituite
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF