Sei in: Home » Articoli

Privacy: maggiore tutela dei minori nel diritto di cronaca

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 4-10 Ottobre 2004) ha reso noto di aver vietato a un editore la diffusione delle informazione idonee a identificare, anche indirettamente, un minore coinvolto in un fatto di cronaca. L'Autorità ha ricordato che nei fatti di cronaca è vietata la diffusione di informazioni sui minori a maggior ragione quando gli stessi abbiano subito violenze o molestie sessuali e ciò in quanto il fatto di renderli identificabili potrebbe far loro rivivere in pubblico i traumi subiti e pregiudicarne l'armonico sviluppo della personalità. Il Garante ha anche stabilito che non è sufficiente celare il nome della vittima per evitarne il riconoscimento.
Esistono informazioni collaterali che, se riferite, possono causare un'equivalente identificazione, come ad esempio l'indicazione del comune di residenza.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/10/2004 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF