Sei in: Home » Articoli

Appalti pubblici: bocciato il criterio del prezzo pi¨ basso

Con sentenza 7 ottobre 2004, causa C-247/02 la Corte di giustizia delle comunitÓ europee ha dichiarato che l'art. 21, comma 1 della legge n. 109 del 1994 Ŕ in contrasto con la direttiva 93/37/CE. La norma in questione determina i criteri di aggiudicazione da seguire negli appalti mediante pubblico incanto o licitazione privata indicando come unico criterio di scelta quello del prezzo pi¨ basso. La decisione censura la norma nella parte in cui non consente alle amministrazioni appaltanti la possibilitÓ di scegliere l'offerta economicamente pi¨ vantaggiosa nel complesso considerando ance altri elementi oltre a quello del prezzo.

(Corte di Giustizia CE, Sent. 07/10/2004, n.C-247/02)

(News pubblicata su autorizzazione di www.leggiditalia.it)
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/10/2004 - Media Italia)
Le pi¨ lette:
» Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Catasto: Ŕ gratuita la consultazione delle visure
» PAS: non Ŕ una patologia ma un comportamento illecito
» Condominio: gli odori della cucina disturbano i vicini? ╚ reato
» WhatsApp: solo 2 minuti di tempo per cancellare i messaggi
In evidenza oggi
Colpo di frusta: l'accertamento strumentale non serveColpo di frusta: l'accertamento strumentale non serve
Tassa rifiuti: sconto fino all'80% se la raccolta non funzionaTassa rifiuti: sconto fino all'80% se la raccolta non funziona
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF