Sei in: Home » Articoli

Appalti pubblici: bocciato il criterio del prezzo pi¨ basso

Con sentenza 7 ottobre 2004, causa C-247/02 la Corte di giustizia delle comunitÓ europee ha dichiarato che l'art. 21, comma 1 della legge n. 109 del 1994 Ŕ in contrasto con la direttiva 93/37/CE. La norma in questione determina i criteri di aggiudicazione da seguire negli appalti mediante pubblico incanto o licitazione privata indicando come unico criterio di scelta quello del prezzo pi¨ basso. La decisione censura la norma nella parte in cui non consente alle amministrazioni appaltanti la possibilitÓ di scegliere l'offerta economicamente pi¨ vantaggiosa nel complesso considerando ance altri elementi oltre a quello del prezzo.

(Corte di Giustizia CE, Sent. 07/10/2004, n.C-247/02)

(News pubblicata su autorizzazione di www.leggiditalia.it)
(16/10/2004 - Media Italia)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
» Addio compenso per l'avvocato poco accorto
» Drogometro: al via in tutta Italia
» ResponsabilitÓ magistrati: il cittadino pu˛ agire direttamente per chiedere i danni
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno alla ex laureata che torna da mammÓDivorzio: niente assegno alla ex laureata che torna da mammÓ
╚ legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?╚ legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF