Sei in: Home » Articoli

Cassazione: per il ricorso in Cassazione del Comune occorre un'autorizzazione specifica

La Quinta Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 14220/2004) ha stabilito che l'Amministrazione Comunale, nei procedimenti di merito, per proporre ricorso in Cassazione, ha bisogno di un'autorizzazione specifica a stare in giudizio in rappresentanza dell'Ente, rilasciata dal Sindaco o dalla Giunta Comunale. I Giudici del Palazzaccio hanno così precisato che "occorre apposita deliberazione della Giunta Comunale che autorizzi il Sindaco a resistere con controricorso davanti alla Corte di Cassazione (a maggior ragione tale autorizzazione è necessaria ove l'Ente sia ricorrente)" e che "l'autorizzazione a stare in giudizio, necessaria perchè l'Ente possa agire o resistere in causa, attiene alla legitimatio ad processum e cioè all'efficacia e non alla validità della costituzione, per cui può intervenire anche successivamente con effetto convalidante".
Leggi la motivazione della sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/10/2004 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF