Sei in: Home » Articoli

Tribunale Venezia: Sentenza danno esistenziale derivante dalla violazione degli obblighi di assistenza famigliare

Con la sentenza in oggetto, il Tribunale di Venezia ha accolto la richiesta di risarcimento del danno esistenziale promossa da una figlia e da una madre nei confronti del padre che, dal concepimento alla matura età si è sempre rifiutato di avere alcun rapporto con la figlia, negandole assistenza materiale e morale. La pronuncia, che si segnala per la complessità degli argomenti sviluppati, si conclude con la seguente considerazione: la consapevolezza, infine raggiunta, dalla attrice di essere stata trattata come il figlio di un mammifero di specie diversa da quella umana (sebbene molti mammiferi, a ben vedere, pongono a lungo cura alla prole), è in sé una conseguenza lesiva della altrui condotta illecita e merita un risarcimento riequilibratorio.
A favore della figlia del convenuto è stata pertanto liquidata a titolo di danno esistenziale, danno non patrimoniale non coincidente con il mero danno morale, l' importo di euro 50.000,00. (Tribunale di Venezia - Sezione Terza Civile, Sentenza 30 giugno 2004: Violazione degli obblighi di assistenza famigliare - Danno esistenziale - Sussistenza).
Leggi il provvedimento su www.Filodiritto.com
(29/09/2004 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Addio ai voucher, arriva il lavoro breve e intermittente liberalizzato
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Caduta per la strada: quando si può parlare di insidia
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
» Asili nido: al via il bonus di mille euro
In evidenza oggi
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuitiAvvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF