Sei in: Home » Articoli

Lecita la diffusione di notizie sulle sanzioni disciplinari degli iscritti agli Ordini Professionali

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 6/12 settembre 2004), ha stabilito che è legittima la divulgazione del provvedimento disciplinare del Consiglio dell'Ordine a carico di un suo iscritto e ciò sulla base del regime di pubblicità degli Albi, anche in funzione di tutela dei diritti di coloro che hanno rapporti con gli iscritti all'albo. L'Autorità ha quindi precisato che Ordini e collegi professionali possono affiggere nell'albo e pubblicare sulle loro riviste sia cartacee, sia on line le sanzioni disposte nei confronti dei loro iscritti e darne comunicazione ad amministrazioni pubbliche o a privati che lo richiedano e ciò sulla base di quanto disposto dall'art. 61 del Codice in materia di protezione dei dati personali il quale sancisce espressamente che nelle comunicazioni a soggetti pubblici o privati, o in sede di diffusione, anche on line, di dati inseriti nell'albo professionale, può anche essere menzionata l'esistenza di provvedimenti che dispongono la sospensione o che incidono sull'esercizio della professione.
(24/09/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Gli elementi del reato
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Canone Rai: ancora 6 giorni per chiedere l'esenzione
In evidenza oggi
Processo tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagareProcesso tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagare
Condominio: per la revoca dell'amministratore non serve l'avvocatoCondominio: per la revoca dell'amministratore non serve l'avvocato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo