Sei in: Home » Articoli

Corte Costituzionale sen. 173 del 10.05 contraffazione opere d'arte

La Corte Costituzionale, con sentenza n.173 interpretativa di rigetto depositata il 10 maggio scorso, con riferimento al Testo Unico di cui al Decreto Legislativo 490 del 1999, ha chiarito che perché vi sia contraffazione di opere d'arte non serve che l'autore sia morto.
Secondo la Corte, infatti: le norme incriminatrici relative alla contraffazione, al commercio e alla autenticazione di opere d?arte contraffatte o alterate, contenute nella legge n. 1062 del 1971 e trasfuse nell?art. 127 del decreto legislativo n. 490 del 1999, continuano ad applicarsi anche alle opere di autori viventi o la cui esecuzione non risalga a oltre cinquanta anni.
Ne consegue che la questione di legittimità costituzionale, essendo stata sollevata sulla base di un'erronea interpretazione della norma censurata, deve essere dichiarata infondata
.
Leggi il testo della sentenza su www.filodiritto.com
(13/05/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Violenza donne: rispunta la castrazione chimicaViolenza donne: rispunta la castrazione chimica
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF