Allarme Istat: oltre un milione di genitori in Italia sono disoccupati

Sono esattamente 1 milione e 182 mila le famiglie italiane in cui nessun componente ha un lavoro. Lo rivela l'Istat nelle tavole sulla media relativa al 2014
uomo triste lavoro id9789

di Marina Crisafi – Ammontano a un milione e 182 mila per l'esattezza i genitori, con uno o più figli, senza un posto di lavoro nel Bel Paese.

A lanciare l'allarme è l'Istat nella consueta analisi annuale, prendendo in considerazione i dati della situazione delle famiglie italiane e raffrontandoli con quelli sulla condizione lavorativa.

Dall'indagine emerge un bilancio disastroso per il 2014, con mamme e papà nella fascia d'età tra i 25 e 64 anni disoccupati e quel che peggio in aumento rispetto alla media del 2013, anno in cui si era registrata una maggiore partecipazione al mercato del lavoro e persino una crescita degli occupati.

Sono aumentate del 4,6%, infatti, rispetto all'anno precedente, le famiglie in cui non è presente alcuna entrata economica da reddito lavorativo.

E nell'ambito dei nuclei familiari senza un'occupazione, spicca una maggiore presenza femminile (pari al 53,13%, 628mila in valore assoluto), rispetto a quella maschile (46,87%, 554mila), con un rialzo del 6,2% rispetto al 2013.

Dalle tavole Istat, la differenza è ancora più evidente nei nuclei monogenitoriali che salgono a 146mila (di cui 128mila con “madri sole”), rispetto a 1 milione e 36mila composti, invece, da entrambi i coniugi o conviventi.

Per contro, aumentano anche se di poco i genitori che un posto di lavoro ce l'hanno (0,5%). Dal confronto con l'anno precedente, infatti, emerge un ampliamento delle forze lavoro, ossia del tasso di attività, sia per le famiglie monogenitoriali (dal 71,4 al 71,7%) sia per le coppie con figli (dal 70,8 al 71,5%). 

(25/05/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Mille cancellieri: il 21 novembre arriva il bando
» Guide di diritto penale
» Divorzio: nuovo compagno? Addio per sempre all'assegno di mantenimento!
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF