Confesercenti: la metà degli italiani stenta ad arrivare a fine mese

Ancora non è diffusa la percezione di una ripresa economica tra le famiglie italiane e 6 su 10 hanno paura di perdere il lavoro. Ecco i dati di Confesercenti
famiglia id10343

di Marina Crisafi - Quasi una famiglia sue due (il 47%), riesce a malapena ad arrivare a fine mese, mentre il 14% non riesce neanche a coprire le spese necessarie. Più della metà degli italiani dichiara una situazione finanziaria insoddisfacente e 6 nuclei su 10 hanno paura di perdere il lavoro.

È questo, in sintesi, quanto emerge dall'ultima rilevazione trimestrale del “Sef”, l'indice di “Solidità economica” percepita dalle famiglie italiane reso noto proprio ieri da Confesercenti e Swg.

Dati che confermano che se la ripresa c'è ancora non si vede, perlomeno così la pensano la maggior parte degli italiani, visto che il valore dell'indice, pur in crescita di 2 punti su dicembre 2014 a maggio segna un valore di 55 identico a quello misurato a febbraio.

Intervistate sulla propria situazione finanziaria complessiva (ossia redditi, debiti e eventuali patrimoni), il 56% delle famiglie italiane infatti percepisce una situazione di disagio e il 14% segnala un'insoddisfazione totale, mentre rimane al 44% la percentuale degli italiani parzialmente soddisfatti (la stessa di febbraio) e si attesta soltanto al 2% quella di coloro che lo sono “totalmente”.

Sul fronte del reddito mensile, quasi la metà dei nuclei segnala notevoli difficoltà per riuscire ad arrivare a coprire le spese (il 47%) e c'è un consistente 14% che invece non riesce a procurarsi nemmeno l'indispensabile. A dichiarare di vivere senza affanni è il 38% e soltanto il 2% si autoproclama “agiato”, potendo concedersi anche qualche lusso.

Sul fronte della sicurezza del lavoro, invece, 6 nuclei su 10 (il 64%) vivono con il timore di perdere la propria occupazione o che ciò possa capitare a qualche familiare. Di questi il 38%  si dice abbastanza preoccupato e il 26% lo è addirittura molto, mentre soltanto il 36% ha una paura minima (26%) o nulla (10%).

Quanto alla percezione della qualità della vita, una famiglia su cinque la considera insostenibile (21%), il 45% soddisfacente e il 34% accettabile e per quasi la metà del campione (46%) si viveva meglio quando si viveva peggio, cioè fino a un anno fa.

Insomma, non c'è aspettativa di ripresa e ciò incide sui consumi che per quasi due terzi degli italiani (71%), rivela l'indagine, rimarranno immutati se non addirittura tendenti al ribasso (30%). 

(17/05/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF