Sei in: Home » Articoli

Cassazione: onere della prova in materia di risarcimento del danno alla salute

Non si può negare l'ammissione della CTU e poi respingere la domanda imputando alla parte di non aver assolto l'onere probatorio
medico sanità chirurgo salute
di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione lavoro, sentenza n. 9119 del 6 Maggio 2015. 

Il caso esaminato dalla Corte con la sentenza in oggetto, riguarda una domanda di risarcimento del danno subito da paziente affetta da cancro, diagnosticato con ritardo.  La paziente eta poi deceduta in corso di causa.

La sentenza offre alcuni spunti di riflessione circa l'onere della prova nei casi di responsabilità medica

Il giudice d'appello aveva rigettato la domanda risarcitoria a fronte di presunto mancato raggiungimento della prova sul quantum risarcitorio anche se i giudici di merito avevano rigettato una istanza perché fosse disposta consulenza tecnica d'ufficio.

La Suprema corte ricorda che "chi domanda il risarcimento del danno ha l'onere, a pena di nullità della citazione, di descrivere il danno, non certo di quantificarlo. La quantificazione del danno da parte dell'attore è deduzione utile ma non necessaria, ai fini della validità dell'atto di citazione. Quel che unicamente rileva è che sia descritto l'ubi consistam del danno”. 

Nella specie, si era richiesto il risarcimento del danno non patrimoniale alla salute ed i giudici avrebbero dovuto ammettere la richiesta CTU. Rigettando l'istanza di parte attrice alla disposizione di ctu e subito dopo respingendo la sua domanda di risarcimento perchè non provata la Corte di merito ha violato il fondamentale principio secondo il quale “il giudice non può, senza contraddirsi, imputare alla parte di non assolvere all'onere della prova i fatti costitutivi della domanda, e poi negarle la prova offerta”. Il ricorso è dunque accolto e la sentenza cassata con rinvio.
Vai al testo della sentenza 9119/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/06/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF