Sei in: Home » Articoli

Poste Italiane: cercasi postini in tutta Italia e impiegati che parlino arabo e polacco

Al via l'operazione recruiting di Poste Italiane. Assunzioni in tutta Italia per postini e front-end multilingue
Poste Italiane raccomandata

di Marina Crisafi - È partita l'operazione “recruiting” di Poste Italiane annunciata a marzo dallo stesso ad Francesco Caio durante la presentazione a Torino del piano strategico della società (leggi l'articolo). 

La prima “infornata” di assunzioni che, secondo le dichiarazioni della società dovranno arrivare ad 8mila nel prossimo futuro, riguarda soprattutto i postini.

La selezione è estesa alla maggior parte delle regioni d'Italia ed è destinata a coprire le necessità legate alle carenze di personale (a partire da luglio 2015) e per specifiche zone e uffici.

I contratti di lavoro offerti, infatti, sono a tempo determinato e sono rivolti a diplomati o laureati senza esperienza, né limiti di età (ma con una votazione minima richiesta), che si occupino del recapito postale (lettere, raccomandate, pacchi, ecc.) nell'area di competenza assegnata.

Tra i requisiti essenziali è prevista la patente di guida in corso di validità. Attenzione perché non basta la patente B, occorre anche l'idoneità alla guida del motomezzo aziendale, che sarà oggetto di apposita prova pratica effettuata su un 125 cc.

Alla candidatura occorre allegare anche il certificato medico di idoneità generica al lavoro, rilasciato dall'Asl di appartenenza o dal medico curante.

 

Per chi, invece, possiede un'ottima conoscenza della lingua araba o polacca, è possibile candidarsi alla posizione di “front-end multilingue” per occuparsi della promozione e della vendita dei prodotti e servizi della società.

Anche questa offerta è a tempo determinato con contratti della durata di tre mesi.

 

In entrambi i casi, per candidarsi, basta presentare il proprio CV online sul sito di Poste Italiane tramite l'apposita sezione lavora con noi, entro il prossimo 4 maggio.


(24/04/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF