Sei in: Home » Articoli

Tribunale di Catania: Condizioni per l'iscrizione alla Gestione commercianti dell'INPS e onere della prova

Con Sentenza n. 691 del 26/02/2015 il Tribunale ha annullato una cartella di pagamento
giudice sentenza martello cassazione
Il Tribunale di Catania - Sezione Lavoro, con la Sentenza n. 691 del 26/02/2015 ha annullato una cartella di pagamento emessa dall'agente della riscossione per il mancato versamento dei contributi alla Gestione commercianti dell'INPS da parte di un amministratore di s.r.l..

Il Giudice ha osservato che nelle opposizioni a cartella di pagamento, come nelle opposizioni a decreto ingiuntivo, è onere del creditore (in questo caso, l'INPS) fornire la prova della sussistenza dei presupposti per l'obbligo di iscrizione alla Gestione commercianti.

A tal fine, il Giudice, dopo aver richiamato le condizioni al verificarsi delle quali sorge il predetto obbligo ed il principio del cosiddetto assorbimento finalizzato all'iscrizione in un'unica gestione previdenziale, ha stabilito che l'amministratore di s.r.l. è obbligato ad iscriversi anche alla Gestione commercianti qualora sussista l'abitualità e la prevalenza della partecipazione personale al lavoro aziendale.

Infine, sulla base dei principi fissati dalla Cassazione per la distinzione tra attività di amministrazione ed attività commerciale, il Giudice ha affermato che, nel caso esaminato, non vi è alcuna prova sulla sussistenza dei citati presupposti; in particolare, il Giudice ha evidenziato come non sia sufficiente per l'iscrizione nella Gestione commercianti il rilascio di licenza di commercio itinerante in caso di mancata apertura della Partita IVA e di successiva revoca di tale licenza per inutilizzo della stessa.

Sulla base di tale ragionamento, il Giudice ha dato ragione all'opponente, condannando l'INPS al pagamento delle spese processuali.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/04/2015 - G.C.)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF