Diritto Penale

Diffamazione a mezzo stampa. Non c'è reato se le critiche giornalistiche non sconfinano in attacchi personali

La Cassazione interviene ancora una volta sul delicato tema del bilanciamento fra libertà di espressione e attitudine diffamatoria dell'attività giornalistica
giornali edicola news rassegna

Dalla Cassazione un nuovo intervento in materia di diffamazione a mezzo stampa.

Nella sentenza n. 839 del 20 gennaio 2015, intervenuta sul delicato tema del bilanciamento fra libertà di espressione e attitudine diffamatoria dell'attività giornalistica, gli Ermellini hanno sostanzialmente ribadito l'orientamento già consolidato (vedi sentt. 2257/2006, 17180/2007, 4325/2010), secondo cui il diritto di critica politica legittima di fatto l'esercizio dell'attività di cronaca giornalistica, a meno che detta critica non sconfini “in attacchi e aggressioni personali dirette a colpire sul piano individuale la figura morale del soggetto”.

Il casus belli che ha condotto a tale pronunciamento è stata la richiesta di risarcimento danni presentata da Mediaset nei confronti dell'editore di un inserto di politica allegato settimanalmente ad un noto quotidiano nazionale. Secondo la parte attrice, infatti, tale pubblicazione, che narrava in tono suggestivo e sospettoso alcune delle operazioni societarie poste in essere dalla azienda durante gli anni ‘90, manipolava e deformava la natura degli accadimenti storici, finendo per mescolare “i piani dell'ironia e della critica” con quelli della vera e propria delazione.

Vistasi rigettare la richiesta dai giudici territoriali, Mediaset ha deciso così di ricorrere alla Suprema Corte, presso la quale tuttavia non ha trovato ristoro.

Gli Ermellini, infatti, pur sottolineando che il diritto di critica debba comunque attenersi al dovere di esporre i fatti nella maniera più precisa e accurata possibile, stabiliscono che la libera espressione da parte del giornalista del proprio punto di vista relativamente a fatti e circostanze non può subire compressioni, a meno che - appunto - non si trasformi in un aperto attacco individuale e personale.

Cassazione Civile, testo sentenza 839/2015
(15/04/2015 - Mara M.)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF